News

01.12.2010

A Barcellona vincono gli stadi di Populous

Questo articolo inserito in sport, news sport, stadi e arene polifunzionali

Al World Architecture Festival, svoltosi a Barcellona dal 3 al 5 novembre, sono stati premiati il Soccer City National Stadium di Johannesburg e lo Stadio Aviva di Dublino.

Il primo ha vinto nella categoria “World Best Sport Building”, il secondo nella neonata categoria “Design accessibile”, ed entrambi sono stati realizzati dallo studio di architettura Populous, che si occupato anche della progettazione dello stadio olimpico di Londra 2012.

La giuria ha motivato la vittoria dell’impianto sportivo sudafricano sottolineando che esso rappresenta “un esempio reale di edificio dalle radici profonde e durature nella cultura del luogo che lo accoglie, capace di dare un nuovo, eccitante futuro a uno spazio altrimenti fatiscente, divenuto immediatamente riconoscibile come il volto della coppa del Sud Africa World”.

La costruzione dell’opera, che risale al 1980, stata finanziata da alcune squadre di calcio del Sudafrica. in quel luogo che si tenuto, nel 1990, il primo discorso pubblico di Nelson Mandela dopo la sua liberazione. I lavori di ristrutturazione hanno portato la capacit iniziale da 80mila a 94.700 posti a sedere.

L’involucro della facciata ora costituito da pannelli in calcestruzzo fibrorinforzato, con una serie di pannelli vetrati o aperti che sembrano svanire quando la luce illumina internamente i volumi. La copertura, sorretta da dodici colonne di cemento alte 40 metri, rivestita da una membrana in PTFE, il cui colore somiglia a quello della sabbia dei giacimenti di oro sudafricani.

L’Aviva Stadium di Dublino stato inaugurato nel maggio 2010. La copertura trasparente, realizzata in lamelle di policarbonato, si abbassa a sud e a nord per massimizzare l’apporto della luce solare sul campo sportivo da una parte e per ridurre l’impatto della costruzione nei quartieri adiacenti.

La facciata appare cangiante: il rivestimento in policarbonato riflette il cielo e, unito alla forma fluida della struttura, riduce l’impatto sull’ambiente circostante. Attualmente i posti a sedere sono 50mila, suddivisi in quattro ordini con vista a tutto campo.

Torna indietro