Ricerche e studi scientifici

donna con gli occhialini a bordo piscina
10.09.2012

Uno studio sull'utilizzo di lenti a contatto in piscina

Questa notizia pubblicata in News Piscine e Ricerche e studi scientifici.

Sconsigliato, da parte del British Contact Lens Association, l’uso delle lenti a contatto durante la pratica del nuoto, a meno che non si indossino anche gli occhiali di protezione. Se invece le lenti sono indossate sotto la doccia, allora sarebbe il caso di tenere gli occhi ben chiusi.

Perch? Si chiama Acanthamoeba ed un piccolo germe che si trova nell’acqua di rubinetto, nella polvere, nel mare, nelle docce e anche nelle piscine. Questo microorganismo unicellulare si nutre infatti dei batteri che si trovano nelle lenti a contatto e nei contenitori puliti in maniera scorretta. Quando si trova nella lente e questa vien posta nell’occhio, il parassita si dirige verso la cornea, lasciando cicatrici tali che la vista inizia ad essere offuscata.

Questo, in sisntesi, il contenuto di uno studio eseguito dalla scienziata Fiona Henriquez per la University of the West of Scotland, che ha affermato: "si tratta di un potenziale problema per chi utilizza lenti a contatto. La diffusione delle infezioni causate da questo organismo limitata, ma in costante crescita e il loro trattamento lungo e non completamente efficace, ci implica che ogni anno alcune persone perdono la vista a causa sua".

La prevenzione? Tara Beattie, della Strathclyde University, assicura che per non incappare in questo problema basta essere diligenti in ambito della pulizia delle lenti a contatto e dei loro contenitori. Sono infatti ancora troppe le persone che usano l’acqua del rubinetto per pulire le lenti, invece che le apposite soluzioni e che non li ricambiano frequentemente.

Non dunque il caso di abbandonare le lenti, visto che milioni di persone le usano non hanno mai riscontrato problemi: sufficiente pulirle correttamente, utilizzare gli occhialini mentre si nuota e, in caso di dubbio, rivolgersi al proprio medico.

Per approfondimenti, consigliamo la lettura della notizia sul Daily Mail

Torna indietro